Scopri il patrimonio artistico di Venezia
Guida turistica autorizzata di Venezia
Scopri il patrimonio storico-artistico della città
> Faq

Perché farsi accompagnare da una guida?

Quando si visita una città nuova, si atterra in un pianeta sconosciuto di cui si vorrebbe scoprire il lato più autentico. Una guida saprà accompagnarvi in questa esperienza sapientemente, non solo parlandovi di date e di personaggi storici come farebbe un qualunque buon libro. La guida saprà cogliere le vostre preferenze, accompagnarvi laddove crederà potrete stupirvi, vi mostrerà cose che da soli magari non avreste saputo raggiungere.
Una guida vi aiuterà a saltare le lunghissime file ai musei, a portarvi nei luoghi meno affollati, a seguire itinerari insoliti e curiosi, a cogliere il meglio della città.

Posso chiedere alla guida di venirmi a prendere in hotel?

Certamente! Sarò felice di potervi accompagnare dal vostro hotel alla destinazione prescelta, modulando l'itinerario e la spiegazione secondo le vostre necessità.

Perché la guida indossa un cartellino durante la visita?

Le guide autorizzate dalla Provincia di Venezia portano in vista la loro licenza mentre accompagnano i visitatori in giro per la città o all'interno dei musei.
Senza questa licenza le guide sono fuorilegge.

Posso personalizzare la visita guidata?

Sarò felice ogni qualvolta vorrete suggerire degli itinerari su misura. Teniate in considerazione che sono specializzata in storia dell'arte e che le mie preferenze vertono sulla storia, sui dipinti, sui restauri… sulla moda e sul teatro.

Possiamo prenotare gli itinerari segreti per questa mattina?

Gli itinerari segreti a Palazzo Ducale sono un percorso molto interessante che permette di vedere quella parte del palazzo che non è visibile nel tour ordinario. Si visitano le antiche prigioni dei Piombi, l'archivio segreto della Repubblica, le sale della Cancelleria, la sala della tortura. È anche l'occasione per conoscere le rocambolesche avventure di Giacomo Casanova che riuscì a fuggire dai Piombi… Attenzione: il servizio degli itinerari segreti va prenotato necessariamente almeno un giorno prima!

Quali sono le stagioni migliori per visitare Venezia?

Tutte! Venezia è meravigliosa in ogni stagione, dovrete solo scegliere il periodo che più vi si addice. Tra novembre e febbraio la città è piuttosto vuota, se non temete troppo il freddo e l'umidità questo è il periodo che vi permetterà magari di entrare nella Sala del Maggior Consiglio… da soli! Il Carnevale è l'epoca migliore per perdersi nelle feste e si vi piace l'allegra confusione. Aprile e maggio sono le stagioni migliori, in quanto inizia la bella stagione (a volte un po' piovosa), e la città di accende di colori fortissimi. Da giugno ad ottobre… è alta stagione e dunque la città è affollatissima.
Se amate le festività, vi consiglio la festa della Sensa con il suo spettacolare corteo acqueo.

Perché pagare per entrare in una chiesa?

Alcune chiese chiedono un piccolo contributo per visitarle. Fatelo volentieri sapendo che quella piccola somma aiuterà la manutenzione e il restauro di quella struttura. Se nessuno contribuisse al mantenimento di questi incantevoli musei cittadini probabilmente non potrebbero restare aperti al pubblico. Grazie per la comprensione.

Cosa fare in caso di acqua alta?

Venezia convive da secoli con il mare e a volte deve fare i conti con maree molto alte.
Se viaggiate in autunno (tra ottobre e dicembre) meglio tenere d'occhio il sito dell'Istituzione Centro Previsioni e Segnalazioni Maree (http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1748) e controllare il livello massimo di marea prevista. Non allarmatevi, non si tratta di inondazioni violente, ma di lente variazioni del livello dell'acqua che possono coprire porzioni abbondanti del suolo cittadino. Il codice giallo e arancio possono essere un ostacolo per la vista dei complessi monumentali di San Marco e Rialto. Procuratevi un bel paio di stivali di gomma e comminate sulle passerelle come fanno i veneziani. Il codice rosso indica una marea eccezionale e di norma diventa molto difficoltoso spostarsi perché più di metà della città viene sommersa dalle acque. Chiedete consiglio alla vostra guida.

Come spostarsi a Venezia?

Avete diverse opzioni. Qualunque posto entro l'archipelago principale di Venezia costituito dai 6 sestieri (escludendo quindi Giudecca, San Giorgio e le altre isole della laguna) si può raggiungere a piedi. Con una buona mappa e con parecchia energia si potranno raggiungere le maggiori attrazioni anche a piedi. Spostarsi in vaporetto è molto comodo, anche se può risultare caro. La linea 1 e la linea 2 garantiscono frequenti collegamenti dal Tronchetto (porto), da Piazzale Roma (stazione degli autobus) e da Santa Lucia (stazione ferroviaria) fino a Rialto e/o San Marco. Infine, c'è l'opzione del taxi, veloce, comodo e ovviamente più costoso.

A che ora chiudono i musei a Venezia?

In generale i musei chiudono alle 17 d'inverno e non molto più tardi delle 18 in estate. Badate bene che goni museo ha il suo proprio orario di apertura, pertanto vi consiglio di controllare nei siti rispettivi per informarvi a tal propostito.
Ricordate che le chiese sono per lo più tutte chiuse la domenica per la celebrazione delle messe e che durante le messe di solito i visitatori non sono ammessi. Basilica di san Marco e dei Frari aprono dalle 14 alle 17 la domenica.
Dopo le 18 si possono comunque organizzare itinerari e passeggiate che non prevendano specifici ingressi.

Siamo in città solo due giorni: vale la pena visitare le isole di Murano e Burano?

Venezia offre moltissimo. Non solo musei e passeggiate, ma anche concerti, spettacoli teatrali, opera e mostre. Vi assicura che se voleste approfondire la storia di Venezia e vedere veramente tutto quello che la città ha da offrire (ad esempio tutte e 16 le bellissime chiese del circuito Chorus, ognuna con qualche magnifico capolavoro; oppure i musei meno noti come la Ca' d'Oro, oppure la Scuola delle Misericordi) non vi basterebbe una settimana. Se invece vi incuriosisce la manifattura del vetro e avete sentito parlare dell'atmosfera pittoresca di Burano

Quali sono le maggiori feste a Venezia?

Vi elenco le principali e più sentinte.
Il Carneval, tra febbraio e marzo, consiste in due (o tre!) settimane di sfilate, spettacoli, concerti, balli privati e divertimenti. Troverete una grande quantità di maschere che amano esibire eleganti costosissim vestiti in mezzo alla folla. Molto gradito è il volo della Colombina… La Festa della Sensa, quaranta giorni dopo Pasqua e quindi in occasione dell'Ascensione di Gesù, è tra le più importanti ricorrenze storiche veneziane. Si organizza una spettacolare sfilata di imbarcazioni storiche in ricordo della cerimonia dello Sposalizio del Mare che la Repubblica festeggiava con orgoglio ogni anno. La terza domenica di luglio si festeggia il Redentore, rinomatosoprattutto per l'incredibile spettacolo pirotecnico del sabato sera precendente. Vi è poi la Regata storica, nella prima domenica di settembre. Si tratta di un'eccezionale competizione tra imbarcazioni di diverse tipologie che si sfidano sulle acque del Canal Grande. Precede la gara un coloratissimo corteo storico. Infine, il 21 novembre: la Salute. Questa sentitissima festa ricorda ai Veneziani la liberazione della peste del 1630, in occasione della quale fu costruita la grandiosa chiesa omonima. Per la ricorrenza della Salute, la città allestisce un ponte di legno (anticamente di barche) di fronte la chiesa della Salute per collegare le due sponde del Canal Grande e che viene percorso da una folta processione.
Prenota ora
o chiedi informazioni
Progetto PromoGuide Venezia - a difesa del patrimonio intellettuale locale scopri di più Regala una visita guidata a Venezia scopri di più Musei gratis la prima domenica del mese scopri di più